MONDO DELLE RICERCHE

Home » Demoscopia e Politologia » POLLS E VOODOO POLLS

POLLS E VOODOO POLLS

a cura di G. Pedrazzini

VoduIl Voodoo (dal termine africano vodu, che letteralmente significa “spirito”, “divinità” o anche “segno del profondo”) è una religione afroamericana dai caratteri sincretici e fortemente esoterici. Ritenuto una delle religioni più antiche al mondo, il Voodoo combina elementi ancestrali estrapolati dall’ animismo tradizionale africano con concetti propri del Cattolicesimo.
Oggi il Voodoo è praticato da circa sessanta milioni di persone in tutto il mondo e recentemente è stato riconosciuto come religione ufficiale in Benin, dove è organizzato in una Chiesa alla quale aderisce circa l’80% della popolazione, e ad Haiti, dove è praticato da gran parte della popolazione.
Al contrario di quello che comunemente si ritiene, il Voodoo è una religione a tutti gli effetti, non un fenomeno legato alla magia nera, ed è dotato di un profondo corpus di dottrine morali e sociali, oltre ad una complessa teologia.
Da circa una quindicina d’anni, più precisamente dal 1995, il Voodoo ha “fatto ingresso” anche nel mondo delle ricerche di opinione, da quando cioè il ricercatore britannico Robert Worcester, fondatore dell’ istituto Mori, definì appunto con il termine “Voodoo polls” sondaggi di opinione non statisticamente rappresentativi che presentano una forte autoselezione del campione (per esempio rilevazioni per le quali è il rispondente che sceglie di partecipare e quindi decide liberamente di telefonare, di  connettersi ad uno specifica sito Internet oppure di inviare le proprie risposte via posta).
Ma allora tutti i sondaggi che si trovano su Internet, come quelli che spesso compaiono sui siti Web dei quotidiani di informazione, oppure quelli che richiedono di telefonare per lasciare la propria opinione, molte volte promosse dalle emittenti televisive, sono da ascrivere alla voce “Voodoo polls”?
In realtà no, la caratteristica che contraddistingue un sondaggio-voodoo da uno “normale” è una caratteristica ex-post, ovvero la possibile manipolazione del dato. Gli esiti dei “Voodoo polls”  vengono appositamente distorti per dare risultati in una determinata direzione e quindi influenzare l’opinione pubblica, per esempio dichiarando che la maggior parte degli Italiani è d’accordo con una certa affermazione o ha fiducia in un dato uomo politico, mentre non si tratta di indagini effettuate ad un campione statistico della popolazione (tramite le quali è quindi possibile fare inferenza) ma condotto solamente su chi aveva voglia, o interesse, di rispondere.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...